Cosa vorrei …

1 maggio 2014|Posted in: NOTIZIE LIBERE

Oggi vorrei mostrarvi alcuni oggetti e accessori per la decorazione della cucina ,in pieno stile anni ’50, alcune cose che vorrei nella mia prossima cucina, cosi, tanto per condividere con voi un paio di cosette carine, restando sempre incentrati sul mondo della cucina.

Appena il trasloco sarà effettivo, tra circa TRE MESI, e potro’ concentrarmi sull’arredo del prossimo appartamentino, spero di trovare un negozio in Italia che venda questi bellissimi (ed inutilissimi) accessori, per l’appunto in stile anni ’50.

Non solo mi sono fissata su questa idea di decorazione vintage ma anche sullo stile francese, o più precisamente parigino, perché dopo 5 anni in terra gallica non posso mica lasciarmi alle spalle la Francia in questo modo, no?

Ecco quindi alcune cose che vorrei tanto trovare e usare per arredare la mia futura cucina ma che purtroppo non so se sono vendute nello stivale.

cosa vorrei 6

Porta spezie, esiste di ogni marcha e da ormai un centinaio di anni, con tanto di porta rotolo di scottex che fa tanto casa della nonna… e che mi piace moltissimo!!!

cosa vorrei 5

Set da Tavola, in finto stile anni anni ’50 che in realtà sembr più anni ’20 dati i vestiti delle donnine ma che é stato prodotti tipo 3 mesi fa dall’industria NATIVES! 😉

cosa vorrei 3

Un barattolo di vetro (o due o tre o sei insomma) che ho trovato sia da Casa che da Maison du Monde che vorrei usare o come porta caramelle, o per sale, farina, sale grosso, zucchero o ancora come porta candele, si lo so, sono una persona indecisa in questo momento.

cosa vorrei 1

Simpatiche scatolette in metallo, adatte a tutto, farina, caramelle, zucchero, cereali, pasta, tutte della marca NATIVES!

cosa vorrei 4

Cannuccie di carta? Plastica? Carta plasticosa? Rosa e bianche a righe, da mettere nei milkshak, frullati, succhi, e chi più ne ha più ne metta. Le ho lasciate al negozio perché 3 euro per 20 cannucciette non riutilizzabili mi sembrava esagerato. ^___^

cosa vorrei 2

Sempre della marca NATIVES, una bilancia da cucina, per essere più precisi nelle ricette pasticcere!

 

Ebbene si, in realtà questo post serve sopprattutto per scoprire se in Italia vendono i miei oggetti del desiderio, ma anche a farvi capire quanto malata sia la vostra cara blogger, che prima di decidere come arredare la casa, arreda la cucina, perché é il posto in cui sto di più ed é normale, ma anche perché una bella cucina ,significa foto migliori, e più caratteristiche da mettervi qui sul blog, un circolo vizioso insomma. Detto cio’ vi lascio al vostro 1° Maggio, spero che da voi ci sia il sole (qui il cielo fa schifissimo oggi) e me ne vado a preparare la prossima ricetta. Buona Giornata!

Ti potrebbe interessare anche:

Lascia un tuo commento

Jessika Pierobon ha detto:

Trovato il nome? Fammi sapere che mi incuriosisce!