Storie dalla Cucina, Una tavola lunga mezzo milione di anni, LO SPIEDO (capitolo 3)

Storie dalla Cucina, Una tavola lunga mezzo milione di anni, LO SPIEDO (capitolo 3)

22 dicembre 2013|Posted in: STORIA DELLA CUCINA

Storie dalla Cucina
Una tavola lunga mezzo milione di anni


capitolo 3
LO SPIEDO 


Terzo capitolo di questa storia a puntate…
E siamo in tempo di Natale, di feste e tradizioni…
E date le mie origini bresciane non potevo non raccontarvi un po’ la storia dello spiedo, piatto tipico di questa città, incastrato perfettamente tra la tradizione bresciana e quella della mia famiglia.
Un capitolo un po’ diverso con solo qualche accenno storico e una storia che mi tocca personalmente.

Arrostire le carni direttamente sul fuoco è stata certamente la prima forma di cottura utilizzata dall’uomo dopo che l’ebbe scoperto, il cui uso domestico risale a circa due milioni di anni fa., mentre il primo focolare sinora individuato sembra posteriore di circa cinquecentomila anni.

Nelle grandi cucine dei nobili e dei potenti sin dal Medioevo esistevano spiedi di diversa lunghezza e caratura e lo spiedo era in genere montato su anelli di un paio di pesanti sostegni di metallo disegnati per reggere lo spiedo ad altezza variabile messi direttamente davanti al fuoco di un camino


La specialità gastronomica dello ‘spiedo”, o spet, a Brescia designa il piatto ‘principe” della sua cucina, divenendo, nel corso dei secoli un vero oggetto di culto.

Numerosi ristoranti offrono questo piatto da consumare sia sul posto che da poter portare a casa e lo si puo consumare anche alla varie feste in tutti i villaggi e paesini che circondano la provincia.

Il nonno Agide nel lontano 1998

Lo spiedo oggi si compone di pezzi di carni differenti, coniglio, maiale e pollo, pezzini di lardo, salvia e qualche patata qua e la. E in alcuni posti si trovano ancora i tradizionali uccelletti anche se io quelli proprio non riesco a mangiarli.

Detto questo vi diro’ che da noi, per molti anni è stato il piatto tipico da mangiare la sera della vigilia. 
Per molto tempo, fin da quando ero piccola ci si riuniva tutti a casa dei nonni materni e in questo ambiente caldo e familiare il nonno e mio papà se ne stavano a turno davanti al camino per un minimo di sette ore a far cuocere lo spiedo.

Questa tradizione per me era particolarmente toccante, sopprattutto quando ero piccola, vedere questi due uomini particolarmente cari al mio cuore sedersi davanti al camino, e preparare per noi questo piatto era ormai la cosa che più aspettavo nel periodo natalizio.

Finito di cuocere lo spiedo lo si mangiava tutti insieme con tutta la famiglia che proveniva da vari punti dell’Europa seduta intorno alla stessa tavola a raccontarsi tutto quello che causa lontananza non si aveva potuto condividere prima.

Dopo la cena il fuoco si spegneva magicamente, e non so bene ancora in che modo apparivano tanti piccoli pacchetti e pacchettini con carte natalizia e fiocchi rossi, sicuramente portati da Babbo Natale!

Lo spiedo, la vigilia e la feste con la famiglia erano e sono tutt’ora il momento che preferisco dell’anno.

Oggi, dato che il macchinario per lo spiedo è di proprietà del nonno ed è sperso in non so bene che punto della loro casetta noi siamo dovuti andare a comprarlo. Ma la gioia era comunque grande e le tradizioni sono rimaste, il raccontarsi tutto cio’ che non si ha potuto condividere durante ques’anno lunghissimo in cui non ci siamo visti, le risate e tutto il resto… mi sembrava di nuovo di avere 10 anni, quando il nonno, ancora in forma e non essendo ancora malto poteva occuparsi del camino, del fuoco e di far cuocere lo spiedo.

Certo oggi non è il giorno della vigilia, ma é stato comunque molto simpatico e in più era il primo spiedo di Cedric che quest’anno tra l’altro si troverà ad affrontare per la prima volta il Natale tradizionale con la mia famiglia come io ho vissuto il loro Natale l’anno scorso con la sua di famiglia e le loro tradizioni strane ma comunque magnifiche.



Lascia un tuo commento