Scuola di Cucina: La Cottura delle UOVA

27 febbraio 2014|Posted in: SCUOLA DI CUCINA

Scuola Di Cucina: La Cottura delle UOVA

Buongiorno a tutti,

oggi parliamo di uova.
Tutti sappiamo fare (credo) un uovo all’occhio di bue ma, le uova, possono essere preparate in tanti altri modi e per essere sicuri di riuscire a cuocerle a puntino ci sono un paio di trucchi che potrebbero esservi utili.
L’uovo infatti é un simpatico alimento di cui non possiamo controllare la cottura assaggiandolo come per la pasta o la carne o quasi qualsiasi altra cosa, dobbiamo solo affidarci al tempo.
Come possiamo preparare le uova?
Alla Coque, ovvero con il tuorlo morbido e l’albume inceve denso. Per preparare delle uova alla coque le dobbiamo cuocere in acqua bollente per non più di 4 minuti. Questo tipo di cottura é di orgine francese, e qui é usato in particolar modo per le colazioni. Potete accompagnarlo con striscioline di pane tostato, burro salato, caffé e succo d’arancia
Sodo, un uovo si definisce sodo quando sia il tuorlo che l’albume sono duri, per questo cuociamo le uova in acqua bollente per 7 minuti, 8 al massimo. Non superate questo tempo perché il tuorlo cambierebbe colore e passerebbe dal bel giallo accesso ad un verdognolo poco invitante. L’uovo sodo é tipico delle paste fredde e delle insalate di riso all’italiana. Comodo per i pic-nic perché lo si mette nel cestino di vimini senza rischio che si rompa.
Alla Giapponese. Se cuocete l’uovo per 6 minuti otterette un tuorlo quasi completamente addensato ed un albume perfettamente cotto, questo tempo di cottura serve per preparare le uova che poi potranno essere utilizzate come guarnitura per il piatto tipico giapponese, il Ramen in quanto poi si mescolaranno perfettamente agli altri sapori di questa “zuppa” asiatica.
Un consiglio é quello di mettere le uova, una volta cotte, in una ciotola di acqua ghiacciata (o comunque molto fredda) per fermare la cottura ed essere sicuri che il nostro uovo non diventi stracotto. Inoltre cosi facendo vi sarà più facile poi togliere il guscio.
Per fare l’uovo Strapazzato, quello tipico delle colazioni inglesi, basta mettere una noce di burro in una padella calda, aprire il nostro uovo e mescolarlo un po a casaccio. Salare e pepare a piacere. In Inghilterra, come anche nei paesi scandin avi é accompagnato da bacon croccante e pane tostato. Inoltre, dalle parti di Manchester si aggiungono dei fagioli bianchi fatti al burro… Il tutto sempre per colazione, ovviamente! 😉
Per fare una frittata o un omelette invece l’uovo si sbatte in una ciotola prima di essere messo in una padella, e per l’omelette si aggiunge anche del latte, per rendere il tutto più morbido.
Per fare un uovo in Camicia (che secondo me é anche il più difficile da preparare, mettete sul fuoco una padella con acqua e aceto, per facilitare la coagulazione dell’albume e una volta che il tutto é giunto a bollore abbassate il fuoco, rompete l’uovo e mettetelo nel tegame cercando di formare un vortice con un cucchiaio. Roteando l’albume andrà a ricoprire il tuorlo e formerà la cosiddetta camicia. Lasciate cuocere per circa 3 o 4 minuti e poi toglietelo dall’acqua aiutandovi con una schiumarola (il mestolo bucato per capirci).
Questa cottura necessita di un po di agilità manuale e a me riesce solo una volta su due, consiglio di allenarvi prima di volerlo proporre ai vostri commensali in una cena particolare altrimenti ci sarà uno spreco elevato di uova.
E anche per oggi é tutto, ho sicuramente dimenticato qualcosa ma non pretendo di insegnarvi nulla, solo condividere con voi quel che so e sperare che possa esservi utile per i vostri successivi esperimenti culinari.
Buona giornata a tutti, e prepariamoci, febbraio sta per finire e la primavera non tarderà ad arrivare e questo per me vuole dire PIC-NIC a volontà!!!

Lascia un tuo commento